Pippo Baudo torna a Domenica In

di Valeria Commenta

Non è il nuovo che avanza, diciamolo, ma Pippo Baudo, l’istrionico Pippo nazionale, è sicuramente una garanzia quando si parla di tv generalista. Il conduttore siciliano sarà alla guida di Domenica In dal prossimo autunno. 

Pippo Baudo ha 80 anni ma non ha perso la sua verve e così si prepara a condurre per la tredicesima volta, il programma contenitore della domenica pomeriggio di Rai Uno. Domenica In che di anni ne festeggia 40, la metà del suo conduttore.

Pippo Baudo, malore improvviso, niente ictus, solo sbalzo di pressione

Baudo però vuole che il suo sia un programma moderno del quale, tra l’altro, è anche direttore artistico. La notizia che la conduzione fosse affidata a lui, infatti, ha sorpreso molti operatori che attendevano un nome giovane. Tuttavia Baudo è un professionista e sa ascoltare anche le esigenze dei suoi telespettatori per cui non ha ancora detto il nome della donna che lo affiancherà.

Ha soltanto fatto sapere che gli piacerebbe trovare un’altra Cuccarini o un’altra Heather Parisi, dando così il via ad una specie di casting. La co-conduttrice dovrà certamente essere bella e in gamba ma dovrà anche sapersi confrontare con un maestro della televisione. Insomma spazio alle ragazze che hanno voglia di imparare da Pippo Baudo.

Il programma RAI dovrà sfidare la Domenica Live di Barbara D’Urso. Per il momento, infatti, le reti Mediaset non hanno annunciato alcun cambio in corsa. C’è da chiedersi chi uscirà vittorioso da quella che si preannuncia la guerra d’ascolti più intrigante dell’autunno. Il punto di forza per garantirsi lo share più alto, probabilmente, saranno gli ospiti ma non è detto che Baudo non scelga di tornare al varietà di una volta facendo leva sull’amore per la tv vintage che ormai è morta e sepolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>