Fabrizio Del Noce sogna la De Filippi e, praticamente, licenzia Antonella Clerici

di Blogger Commenta

Fabrizio Del Noce sogna la De Filippi e, praticamente, licenzia Antonella Clerici“Altro che geishe” dice il direttore dell’ ammiraglia a proposito del suo harem

Fabrizio del Noce, direttore di Rai Uno, sogna di trascinare in Rai la signora di Mediaset, nientemeno Maria de Filippi, in una intervista rilasciata al settimanale Chi, si confessa: “Il mio ultimo desiderio prima di lasciare il trono di Raiuno ? Maria De Filippi. Insuperabile”. Intanto posa con le preferite dell’ harem Caterina Balivo, Eleonora Daniele, Elisa Isoardi e Veronica Maya.

Ma Fabrizio del Noce non si accontenta, vuole allargare il suo già nutrito harem, e confessa: “Ho messo gli occhi sulla Miss Italia in carica, Miriam Leone. Ha carattere, può funzionare. Forse potrò lasciarla in eredità al mio successore”.

Parlando dell’ appellativo con il quale amano definirlo:“Mi chiamano ‘il Sultano’? Magari lo fossi davvero. Dietro quest’ immagine c’ è tutt’ altro: un duro lavoro e quattro ragazze che tutto sono fuorché geishe! Hanno molta voglia di arrivare, non fanno gruppo. Sanno che devono lavorare molto e divertirsi poco. Non devono trasgredire. Poca vita mondana, look adeguato, riservatezza, tanto studio. Il fidanzato possono averlo, ma è un fatto privato, non un’ esibizione da fiera.

Ultimo scottante argomento, ma Antonella Clerici, dove la mette ? Sconcertante la sua risposta, in pratica un licenziamento: “Con me Antonella è cresciuta moltissimo. Ora è in maternità. E’ giusto che cambi programma, dopo tanti anni”. Evidentemente non sente la mancanza della Antonellina nazionale, per lui, la Prova del cuoco va benissimo con la Isoardi.

Vuoi vedere che Antonella Clerici sbarca direttamente dalla maternità in casa Mediaset con la riedizione de Il pranzo è servito ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>