X Factor: Mara Maionchi show costellato di parolacce

di Gianni Commenta

Spread the love

Attacco d’ ira per il ballottaggio del gruppo vocale da lei protetto, volano parolacce e scende la lacrimuccia

Non si capiva bene se si stesse assistendo ad una nuova punta di X Factor 3 o se si trattasse di un show di Mara Maionchi alla fine, era tutto chiaro, intorno alle 22, bisognava fare qualcosa per alzare il tono del talent show, fra acuti mal riusciti e stecche dei talentuosi, ed una puntata piuttosto sonnacchiosa, Mara Maionchi si infuria, il motivo era il ballottaggio del gruppo vocale da lei protetto, le Yavanna, con gli Horrible Porno Stuntmen, che sono poi stati eliminati.

Appresa la notizia Mara Maionchi inizia la sua protesta, si scatena contro il pubblico, colpevole, a suo dire, di non aiutare chi propone qualcosa di diverso dopo quarant’ anni della stessa musica in Italia, urla, parolacce, suggerimenti di ogni genere, tramutatisi poi in moderati “cacchio” e, sorpresa, spunta la lacrimuccia, pubblico stupefatto nel vedere una Mara Maionchi così inviperita, Francesco Facchinetti imbarazzato, cerca di placare gli animi, ma non ci riesce, a nulla serve ricordarle, con sorrisetto stampato, che c’ è il Moige a cui render conto.

Gli animi degli spettatori in studio di X Factor, si sono poi placati, fra applausi e risate, l’ austera Claudia Mori, che ha bacchettato Morgan, si è più volte alzata per confortare Mara Maionchi in lacrime, solo dopo un’ ora sono arrivate le sue scuse, con buona pace dell’ associazione dei genitori che, per il momento, non si è ancora ribellata alla valangata di improperi, del resto, performance di questo tipo non sono nuove per il giudice di X Factor.

Siamo arrivati alla terza edizione di X Factor, ma la situazione non cambia, gli ascolti non salgono, i giudici litigano fra loro e con il pubblico, i cantanti si scannano fra loro. Niente di nuovo, tutto tristemente uguale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>