Rita Dalla Chiesa: fischi e contestazione per strada dopo lo scandalo di Forum

di Blogger Commenta

Non è un bel momento per Rita Dalla Chiesa, dopo la puntata scandalo di Forum in cui Marina Villa, la finta terremotata, aveva fatto delle esternazione davvero vergognose nei confronti degli aquilani, non si placano le polemiche. Una bufera vera e propria che nasce da quel: “Nessuno sta in mezzo alla strada, tutti hanno le case con giardini e garage. Sono rimasti 3-400, stanno ancora negli hotel perché fa comodo. Mangiano, bevono e non pagano niente, pure io ci vorrei andare”.

Nella puntata di ieri Rita Dalla Chiesa ha più volte sottolineato che su Facebook non esiste una pagina ufficiale di Forum né tantomeno una intestata a lei. Intanto le contestazioni nei suoi confronti sono piuttosto forti fino ad arrivare all’offesa, frasi del tipo “La Palermo onesta che amava tuo padre ti disprezza” o “Tuo padre si sta rivoltando nella tomba”, riferendosi al generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso dalla mafia negli anni ’80.

Intervistata dal Corriere della Sera, Rita Dalla Chiesa ringrazia innanzitutto Antonella Clerici per la solidarietà, anche Massimo Giletti l’ha chiamata, gli altri colleghi giornalisti non si sono fatti sentire, neanche Pier Silvio Berlusconi: “Venerdì sono dovuta andare via da una pizzeria di Ponte Milvio: da un tavolo è partita una provocazione e da un altro un applauso di risposta. Scena simile il giorno dopo, fuori dall’Auditorium Parco della Musica: due ragazzi mi hanno urlato ‘ma non si vergogna, complimenti per la trasmissione!’. E’ stato avvilente”.

Rita Dalla Chiesa tiene comunque a precisare: “La storia di base era vera. Avevamo avuto la segnalazione via fax di una moglie che chiedeva all’ex coniuge una somma una tantum al posto dei versamenti mensili. Nel nostro database di diecimila provini avevamo questa Marina Villa, di Popoli, che mi sono andata a rivedere: un anno fa ci aveva raccontato davvero di essere scampata al terremoto, di essersi ferita e che due suoi vicini di casa erano morti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>