Paolo Limiti su Rai Uno con E state con noi

di Gianni Commenta

Spread the love

Torna su Rai Uno dal 2 luglio il garbo e tutto il sapere di Paolo Limiti, un conduttore Rai molto gettonato degli anni 90, di lui ci ricordiamo soprattutto per “Ci vediamo in tv”. Ma non è conosciuto solo per questo, Paolo Limiti è un’enciclopedia vivente, paroliere di Mina, autore e produttore televisivo, ama profodamente la musica lirica. Profondo conoscitore di tv e cinema, ci terrà compagnia nella fascia del mezzogiorno de La prova del cuoco con Antonella Clerici.

Dal 2 luglio, dunque, Paolo Limiti sarà il conduttore di E state con noi, tutti i giorni, la lunedì al venerdì, dalle 12 alle 13,30. Il punto di forza del programma sarà ancora una volta la storia di piccolo grande schermo, danzatori e danzatrici, il mondo della musica, ricordi che racconterà con il contributo dei numerosi ospiti, un approfondimento del mondo dello spettacolo, non solo italiano.

Paolo Limiti ha scelto di essere affiancato da nomi non eccessivamente conosciuti per il suo ritorno in Rai, comici e cantanti dal promettente futuro artistico, come di ce, la sua E state con noi vuole essere “talento e bellezza, che ultimamente in televisione si vedono poco”.

Al suo fianco ci sarà l’ex moglie Justine Mattera, che proprio lui ha lanciato in televisione come sosia di Marylin Monroe. Show girl americana, ormai naturalizzata italliana, ha già avuto un’esperienza televisivo con Paolo Limiti, con il quale è stato sposato dal 2000 all 2002. Sono stati capaci di mantere un rapporto di amicizia e collaborazione che non è facile trovare nel mondo dello spettacolo.

Si tratta, in pratica, di un ritorno al passato vero e proprio, dalla conduzione all’intrattenimento, Paolo Limiti torna per ricreare la stessa atmosfera di qualche anno fa, una conduzione pacata, affatamento con Justin Mattera, mai scontata. Quella televisione che non si vede davvero da molto tempo. Con loro ci sarà la cagnolina di pezza Floradora, creata nel 1996 da Antonio Crapanzano che le dà la voce.

Vedremo se Paolo Limiti riuscirà a ricreare la televisione di un tempo adattata a quella di oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>